CHRISTIAN CASAROTTO

Faticosi rilievi sul campo, applicazioni digitali a base di Gps e impulsi laser, fotografie scattate ogni anno dallo stesso punto. Soprattutto tanta passione verso l’Adamello e i ghiacciai del Trentino la cui contrazione costituisce una delle manifestazioni più evidenti del cambiamento climatico in atto. Lui, glaciologo e mediatore culturale del Museo delle scienze di Trento, agisce insieme alla Provincia autonoma e alla Società degli alpinisti tridentini. Aggiornando il catasto di queste formazioni dalle quali dipende la disponibilità d’acqua dolce, l’approvvigionamento energetico da fonte idroelettrica, la tenuta del suolo, larga parte del turismo. E spiegando ai cittadini come lassù, anche se il paesaggio sembra immutabile, qualcosa sta cambiando. Aiutiamolo con un voto a compiere questa missione scientifica e culturale.

Christian Casarotto, Busto Arsizio (Va, 1975)
premio-minazzi_2016

Vuoi votare per questo candidato? Clicca qui!
(Indica nell’email il tuo nome, cognome, età, indirizzo e preferenza)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *